Carpe diem

Quando Orazio scrisse questa frase non immaginava sarebbe diventata così famosa e, comunque, non intendeva dire “approfitta dell’attimo” perché “ogni lasciata è persa“. Non aveva intenzione di suggerire scaltrezza per non perdere l’occasione, per divertirsi e godere perché del doman non v’é certezza.

La locuzione “carpe diem” la si trova nelle Odi – libro I, XI, 18 – e significa “cogli la giornata”. Per comprendere la portata di queste parole conviene analizzarle nel contesto: “Dum loquimur fugerit invida aetas: carpe diem, quam minimum credula postero” che significa: “Mentre parliamo il tempo invidioso sarà già fuggito. Cogli il giorno, confidando il meno possibile nel domani“.

Orazio voleva sottolineare l’importanza del presente, invitando a non lasciarsi prendere dalle preoccupazioni del domani, perché questo non ci è noto e nulla possiamo fare per sia come vorremmo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...