Leggendo l’Orfeo di Pavese.

È andata così. Salivamo il sentiero tra il bosco delle ombre.  […]S’intravvedeva sulle foglie il barlume del cielo. Mi sentivo alle spalle il fruscìo del suo passo. Ma io ero ancora laggiù e avevo addosso quel freddo. Pensavo che un giorno avrei dovuto tornarci, che ciò ch’è stato sarà ancora. Pensavo alla vita con lei, com’era prima; che un’altra volta sarebbe finita. Ciò ch’è stato sarà. Pensavo a quel gelo, a quel vuoto che avevo traversato e che lei si portava nelle ossa, nel midollo, nel sangue. Valeva la pena di rivivere ancora? Ci pensai, e intravvidi il barlume del giorno. Allora dissi “Sia finita” e mi voltai. Euridice scomparve come si spegne una candela. Sentii soltanto un cigolìo, come d’un topo che si salva.
L'inconsolabile. C. Pavese.

È andata così.
Quale dio che non si dica crudele può volere, o anche solo lasciare che accadano cose come questa?
Volendosi definire essere umano, come si può accettare da un simile dio il dono della vita e al suo cospetto poggiare il ginocchio al suolo?

L’Orfeo di Pavese è così simile alla moglie di Lot la quale, uscendo da Sodoma mentre il il suo dio la sta distruggendo sterminandone gli abitanti, comprende che quello non può essere il suo dio. Rinuncia alla vita pur di non doverla condividere con quel peso.
Com’è che si chiamava? No, nulla! Un simile dio non le ha concesso nemmeno un nome. Euridice non è un nome ebraico, ma sarebbe bello pensare si chiamasse così. Entrambe persero la vita, per propria o altrui volontà, ma questo fa poca differenza.
Quel che conta è quella presa di coscienza, quel ritrovare se stessi, al cospetto dell’abisso, che permette di opporsi al dio.

L’Euridice di Orfeo diviene una persona diversa dopo la discesa negli inferi, L’Euridice biblica vi discende nel momento in cui decide di voler essere diversa.

Non vi è nulla di saggio in questi racconti, né nel parallelo, tra i personaggi, che qui viene proposto.
Probabile che l’unico spiraglio di saggezza proviene dalle parole di Bacca:

Vale la pena di trovarsi in questo modo? C’è una strada più semplice d’ignoranza e di gioia.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...